lunedì 2 maggio 2016

Dimenticati

Lui è Kamal,venditore ambulante di origini marocchine residente a Palermo.La fotografia risale a Gennaio,quando ci eravamo incontrati per un ultimo caffè,in un bar del centro storico palermitano,prima del mio viaggio di ritorno in Lituania. Il suo è il ritratto di chi non ne può di vestire i panni dell'ultima ruota del carro della società palermitana,e difficilmente dimenticherò quel pomeriggio palermitano per la storia che mi aveva raccontato. Una storia fatta di abusi di potere mista a razzismo e violenza da parte di una squadra della polizia municipale capeggiata da un vigile urbano soprannominato '' Bruce lee'',lo stesso che nel Marzo del 2011, aveva vessato il venditore ambulante Noureddine Adnane,spingendolo a darsi fuoco per la disperazione. Siamo nel Gennaio 2011 e Kamal si trovava con la sua bancarella in viale Campania,nei pressi di un mercatino. L'incubo comincia quando una squadra di vigili urbani,famosa per i modi particolarmente violenti nella repressione del commercio ambulante,bloccano Kamal intento a spostare la bancarella. L'agente '' Bruce lee'' lo afferra da dietro per la cinta. Kamal si agita e chiede di mostrare i documenti che lo autorizzano alla vendita ambulante quando il vigile gli risponde : Non m'interessano i documenti, io voglio te '' . Gli animi si agitano e il giovane marocchino viene spintonato e tirato per la maglia dai vari vigili urbani e ammanettato. Condotto alla questura di San Lorenzo Kamal viene ripetutamente picchiato dall'agente che lo aveva bloccato. Schiaffi,calci e pugni sui fianchi. Il soggiorno in questura è un inferno,e dopo le percosse,gli aguzzini in veste da poliziotto,dopo aver compilato alcuni documenti sotto la supervisione dell'agente '' Bruce lee'' comunicano a Kamal che verrà condotto in tribunale. Una notte in camera di sicurezza per poi essere condotto in tribunale dove viene a sapere che sarà processato per aver picchiato tre agenti della polizia municipale : due donne e un uomo. Kamal,stremato dalla fame e dalle percosse subite,sviene. Viene ricoverato al pronto soccorso dove i medici gli trovano segni di violenza nella parte bassa della schiena e sulla testa.In tribunale la testimonianza dei vigili urbani ha dell'incredibile. Una vigilessa racconta che Kamal le aveva tirato i capelli dopo avergli chiesto i documenti. Quell'altra lo accusa di ingiurie : ''Puttana,le donne devono stare a casa perché nei paesi islamici si fa cosi ''. L'uomo invece,racconta di essere stato preso a calci dal giovane marocchino. Il processo va avanti,e in mancanza di testimoni,il tutto va a sfavore di Kamal,che incassa in silenzio l'ennesimo pugno di una società incattivita e sempre più intollerante verso il diverso. La sua storia non mi sorprende. Per esperienza personale (quell'anno e mezzo nel corpo della marina militare insegna) vi dico che gli ambienti militari e delle forze dell'ordine sono focolai di fascismo. Adesso che non ho il piacere di condividere con lui un caffè e di parlare del destino del mondo arabo,lo seguo mentre aggiorna la sua bacheca con post carichi di rabbia e amarezza. L'ultimo in ordine cronologico dice : ''La colpa di avere una coscienza : io sono colpevole di reati e uno dei più gravi reati che ho è di essere una persona onesta,per bene''

venerdì 29 aprile 2016

Una nuova droga dell'ego : Il tasto '' Mi piace ''


Più tempo trascorro su facebook e più chiedo a me stesso se è possibile trovare una via di mezzo salutare tra la vita virtuale di facebook e quella reale. Tra il mondo on line e offline. Possiamo dire che il social network Facebook è un ottimo strumento quando si viaggia e si vuole mandare notizie alla propria famiglia a casa. Ma personalmente comincio a percepire un pericolo che non tutti hanno ancora percepito. Questo pericolo lo vedo nel tasto '' Mi piace '' che affianca qualsiasi nostro aggiornamento o commento. Vedo questa opzione come una sorta di droga dell'ego che crea dipendenza quanto l'eroina o qualsiasi altra droga pesante. Mi spiego meglio ; più il tuo selfie,il tuo post,la tua riflessione,o semplicemente la tua battuta di spirito riceve apprezzamenti tramite il tasto '' Mi piace '' e più la dipendenza cresce. Cresce sino a distogliere completamente la tua attenzione dalle normali pratiche quotidiane nel mondo offline. Al punto da mercificare qualsiasi momento della tua vita quotidianità in cambio di un '' Mi piace ''. Creando automaticamente delle vere e proprie finestre virtuali sulla tua vita privata. Questa ricerca maniacale del '' Mi piace '' non è altro che un effetto collaterale della carenza di autostima causata dalla carenza di relazioni sociali nella vita reale,a sua volta effetto collaterale dell'atomizzazione della società contemporanea causata dall'invasione della tecnologia nella sfera privata degli individui. Siamo animali sociali,e come tali ricerchiamo il nettare per nutrire la nostra autostima nelle relazioni sociali con altri individui. Ma in molti non hanno ancora capito che il '' Mi piace '' facebookiano (e adesso le faccine,l'ultimo trovata di Zuckenberg per umanizzare facebook) non sarà mai migliore di una chiacchierata,di una pacca sulla spalla,di una stretta di mano,di un sorriso o di una qualsiasi reazione umana del mondo offline. 
In pochi lo hanno capito,e lo dimostrano le impennate di facebook in borsa,e tutte quelle persone che mi chiedono '' l'amicizia''  senza neanche aver tentato di conoscermi nella vita reale,e vantandosi di essermi '' amico ''. Oppure il vicino di casa che nel mondo online di facebook clicca '' Mi piace '' ai miei aggiornamenti e nella vita offline mi porge un timido saluto. Certo,facebook è un ottimo strumento per far circolare notizie e informazioni,ma se prima avevamo una carenza d'informazioni,dovuta anche alla graduale scomparsa della figura del giornalista ,adesso abbiamo una sovrabbondanza di informazioni causata dalla nascita della figura del cittadino-giornalista. E si sa che il nostro cervello,secondo il parere di molti neurologi,non è in grado di immagazzinare un eccessiva mole d'informazioni in pochi minuti. Il cervello si stanca,e spesso capita di non riuscire a leggere un post sino alla fine,provocando cosi un altro effetto collaterale : La perdita della capacità della concentrazione.  Vi capita mai che dopo aver spulciato la home di facebook,o l'aver '' spiato '' le vita di qualcuno pubblicata nel profilo,o della lettura di tanti post in pochi minuti, trovate difficoltoso concentrarvi nella attività della vita reale ? Oppure di distrarvi facilmente quando qualcuno vi parla. Oppure di non riuscire ad arrivare alla fine di una pagina di un libro? 

Purtroppo anche io,che parlo di questi effetti collaterali da social network,non ne sono immune,dato che quasi tutta la società si è letteralmente trasformata in '' una comunità di profili connessi '' che interagiscono tra di loro tramite messaggi privati,commenti o aggiornamenti. Oggi una cancellazione da facebook equivale a un totale isolamento dal mondo reale,ormai completamente fuso al mondo virtuale.  Sono finiti quindi i tempi delle lettere d'amore scritte ? Delle discussioni politiche fatte in una piazza pubblica,o di una sana chiacchierata davanti a un caffè ? Non chiedo di abolire facebook,ma di cominciare a pensare a una sorta di '' libretto d'istruzioni '' che spieghi a tutti gli utenti gli effetti indesiderati di un abuso di facebook. Un po come si fanno con i medicinali. 





giovedì 31 marzo 2016

Dove sono gli arabi ?

L'unico movimento di resistenza al Sionismo viene classificato dai regimi arabi come '' organizzazione terrorista ''.
Da piccolo,quando mio padre mi costringeva a guardare i telegiornali arabi,un po per imparare la lingua araba e un po per conoscere la triste realtà del popolo palestinese nei territori occupati dallo Stato sionista, mi commuovevo quando ascoltavo la frase urlata da una donna palestinese '' Eina el arab !!? '' (dove sono gli arabi ?). Me lo chiedevo anche io quando vedevo le bombe al fosforo piovere sopra Gaza,e se lo chiedevano tutti quelli che,seppur distratti dalla mondanità e dai problemi della vita occidentale, hanno a cuore la questione palestinese. Qualche mese fa i ministri degli esteri arabi hanno classificato Hezbollah,l'unico movimento di resistenza arabo e musulmano capace di tenere testa ad Israele,come '' organizzazione terrorista '' .

''Dove sono gli arabi'' ?

mercoledì 30 marzo 2016

La complicità degli stupidi

Il buon Gasparri e il saggio Salvini,e cosi tutta la cricca fascista che intasa lo stivale dal 1948 ad oggi,e che al grido '' ripuliamo le nostre città '' arringano le folle contro quelli che '' prendono i nostri passaporti, lavorano nelle nostre città , come Salah e i suoi familiari a Bruxelles, e in cambio ci sterminano'', hanno di nuovo riattivato la macchina dell'odio. 

Qualche altro idiota,che stranamente si ritrova ad intasare abusivamente la mia home facebook,chiede la cacciata di tutti i musulmani dall'Europa,compresi i '' moderati ''. Ecco,questa gente, nella loro ingenua stupidità,fanno il gioco dell'Isis. Seminano odio,arringano le folle contro l'ultimo arrivato,regalando cosi sempre più adepti alla macchina bellica dello Stato Islamico. Quindi non sorprendetevi se un giorno,ciò che è successo a Parigi e Bruxelles,si ripeterà in qualche piazza italiana.

venerdì 25 marzo 2016

Il fascismo genera fascismo


Non saprò mai cosa provava un ebreo nell'Italia fascista. Di certo le sue paure non saranno diverse dalle mie quando nascondo la mia appartenenza etnica agli occhi di un europeo,o peggio ancora,di un italiano. Tutto comincia quando mi viene fatta la fatidica domanda : Dove sono nati i tuoi genitori ? E se un tempo andavo fiero delle mie radici magrebine,adesso che sono circondato da menti e coscienze disinformate,cerco di nascondere qualsiasi traccia di questa eredità culturale dei miei antenati. Ma i miei occhi,i miei tratti somatici,e sopratutto questa mia predisposizione alla spiritualità ereditata molto probabilmente da qualche antenato nordafricano,gettano continuamente sospetti su di me. A poche giorni dall'arresto del terrorista Salah a Malenbeck e dagli attentati dei fratelli Bakraoui all'aeroporto di Bruxelles (ultimamente i carnefici sono sempre fratelli ; i fratelli Camaev a Boston e i fratelli Kouachi a Parigi ) i riflettori si riaccendono su questi figli senza identità. Su queste facce arabe e africane munite di passaporto europeo. Personalmente non mi ha mai sorpreso la radicalizzazione di questa gioventù '' ne carne e ne pesce '', perché in questa Europa intimorita,disinformata,incattivita e fascistizzata,non c'è mai stato spazio per chi condivide il patrimonio genetico dei nemici dell'Europa bianca e cristiana (o laica).
Noi Euro - africani di fede musulmana siamo figli di tutti ma allo stesso tempo figli di nessuno. E quando ci ritroviamo con tutte le porte chiuse. Prima o poi ci stuferemo di bussare. Ci siederemo, e attenderemo che le porte del radicalismo religioso si apriranno per consegnarci una cintura esplosiva e l'indirizzo del prossimo obbiettivo da colpire.

sabato 20 febbraio 2016

Tutti in piedi per Hotze Convalis

Dalla Lituania,dove sto tutt'ora affrontando il mio programma di studio erasmus,seguo con molto interesse e apprensione la vicenda del mio caro amico Hotze Convalis,il musicista friso-palermitano preso di mira dal Comune di Palermo e dalla Palermo bene salottiera e nemica del buon senso (e sopratutto del buon gusto). Molti di voi avevano condiviso i miei video in cui riprendevo le autorità pubbliche (e non Hotze ) in flagranza di reato. Altri mi avevano chiesto l'amicizia ringraziandomi per aver ripreso la verità dei fatti. Ringrazio tutti quanti per la solidarietà e la visibilità data a queste prove che scagionano Hotze dalle infamanti accuse mosse contro di lui dal Comune della nostra città. Ma adesso bisogna passare ai fatti. Come ben sapete,Hotze sta affrontando costosissime spese legali,che per ovvie ragioni,non può assolutamente sostenere. Pertanto chiedo a tutti,e sopratutto a coloro che avevano espresso stima e solidarietà al musicista di aiutarmi ad organizzare una sorta di crowdfunding (una raccolta fondi online) per aiutarlo ad affrontare le spese legali. Inoltre stavo pensando ad una sorta di petizione firmata da tutti noi da inviare al Sindaco. Io purtroppo sono troppo lontano per poter sostenere fisicamente Hotze in questa battaglia,ed è per questo che chiedo la collaborazione di tutti voi. Raccolta fondi e petizione,non chiedo altro.Sono gli unici strumenti che abbiamo per vincere questa battaglia.
Per eventuali proposte o discussioni metto online i miei contatti :
Skype : rabih.bouallegue1
email : bouallegue.rabih@gmail.com
Massima diffusione
Grazie

sabato 2 gennaio 2016

Silenzio

Esco dal mio silenzio (auto)imposto per non essere classificato tra gli omertosi,per non vedere apparire il mio nome tra i nomi di chi tace e continua a tacere sui crimini dell'Arabia Saudita,tollerati dall'occidente e giustificati da una larga fetta del mondo musulmano. Rompo il mio silenzio pubblicando un ritratto come foto profilo del mio account facebook : Quello di Sheik el Nimr,leader della minoranza sciita saudita giustiziato questa mattina dalle autorità dell'Arabia Saudita. Un terrorista secondo le autorità saudite e uno sporco eretico per i musulmani sunniti. Un uomo che affrontò l’ignoranza, la tirannia e l'oppressione di un regime oggi a capo del consiglio per i diritti umani dell'Onu.
Apologia al '' terrorismo'' o eresia ?
Finché parole come queste saranno pronunciate per condannare a morte uomini liberi,mostri come l'Isis continueranno a cibarsi delle nostre carni.

Rabih Boualleg